Confronto dell’utilizzo di innesto osseo eterologo e autologo.

Odontoiatria

2016

I sostituti ossei eterologhi equini come valida alternativa all’innesto autologo. Uno studio prospettico split-mouth. (Comparison between autologous and heterologous grafts. Equine-derived bone substitutes can be an alternative to autologous graft. A spilt-mouth perspective study)

La scheda descrive i risultati relativi a 7 pazienti di età compresa tra i 34 e 65 anni che si sono presentati con atrofia orizzontale della mascella anteriore e che necessitavano di riabilitazione implantologica. I pazienti hanno ricevuto due innesti ossei seguendo un disegno split-mouth: un sostituto osseo eterologo in blocco di origine equina (Bioteck) e un innesto autologo prelevato dal ramo ascendente della mandibola. Una tomografia computerizzata cone beam (CBCT) è stata eseguita al momento dell’innesto (T0), 15 giorni (T1) e 6 mesi (T2) dopo l’operazione. La CBCT ha permesso di analizzare la variazione del volume dell’osso e dell’innesto tra T2 e T1 e, a T2, di pianificare il posizionamento dell’impianto.

Pubblicato su Bioteck Dental Surgery Sheets, Bioteck Academy Sheets

Innesto osseo

ALTRE PUBBLICAZIONI

CORREZIONE DEL PROFILO CRESTALE NEI SETTORI ESTETICI

GUARIGIONE DI UN ALVEOLO POSTESTRATTIVO PER SECONDA INTENZIONE

Regenerating a vertical bone defect consequent to peri-implantitis

Correzione diffetto osseoAwayr