L’osteointegrazione eterologa (Osteoplant) associata a gel piastrinico nelle perdite di sostanza ossea

Ortopedia

2005

La necessità di dover effettuare una ricostruzione scheletrica segmentarla più o meno estesa, ovvero di dover procedere ad osteointegrazione nel corso di revisioni protesiche, chirurgia oncologica, riduzione ed osteosintesi di fratture complesse e trattamenti di pseudoartrosi, costituiscono una evenienza tutt'altro che rara in ortopedia e traumatologia. Pur essendo universalmente nolo che il miglior 1nateriale resta l'osso autoplastico, non sempre è possibile ricorrere ad esso, per limiti di quantità e di morbilità connessi al prelievo

Da oltre 6 anni, presso l'UOA di Ortopedia e Traumatologia di Belluno, viene utilizzato come alternativa all'ostcointegrazione autologa ed omologa l'Osteoplant (Biotcck srl), osso· deantigenato di derivazione anin1ale eC(uina e suina, disponibile in forme e dimensioni diverse in confezione sterile, e conservabile a temperatura ambiente in sala operatoria, quindi immediatamente disponibile. Associamo, pressoché costantemente, a detto materiale il gel piastrinico autologo. Presentiamo la nostra casistica relativa a 50 casi trattati.

Pubblicato su SIOT

articolo

ALTRE PUBBLICAZIONI

LA REVISIONE DI PROTESI D’ANCA CON SOSTITUTI OSSEI DI ORIGINE EQUINA

CHIRURGIA CONSERVATIVA PER L’ARTROSI DEL GINOCCHIO

Allografts versus Equine Xenografts in Calcaneal Fracture Repair

Pubmed