Uno studio immunoistochimico sui sostituti ossei equini.

Dati sperimentali, Odontoiatria

2018

L’aggiunta di un sostituto osseo equino all’osso autologo non cambia le proprietà immunoistochimiche del tessuto rigenerato.

La scheda riepiloga i risultati di uno studio pubblicato nel 2011 su Implant Dentistry. Lo studio ha impiegato un sostituto osseo equino a collagene preservato (Osteoplant Osteoxenon, Bioteck), composto di granuli ossei sia spongiosi che corticali (1:1) della dimensione di 0.5 – 1 mm. I ricercatori hanno analizzato campioni ossei provenienti da seni mascellari innestati o con solo osso autologo o con una miscela di osso autologo e Osteoxenon in proporzione 1:1 e, come controllo, campioni di tessuto osseo basale. L’analisi istologica ha comportato la misura della densità microvascolare (MVD), indice della neovascolarizzazione tessutale; l’analisi immunoistochimica ha previsto la quantificazione di due diversi fattori che concorrono alla modulazione positiva dell’osteogenesi. I risultati dello studio dimostrano come Osteoxenon interagisca in maniera fisiologica con i processi rigenerativi, confermandolo come una valida alternativa all’impiego del solo osso autologo.

Pubblicato su Bioteck Dental Surgery Sheets, Bioteck Academy Sheets

Studio Immunoistochimico

ALTRE PUBBLICAZIONI

CORREZIONE DEL PROFILO CRESTALE NEI SETTORI ESTETICI

GUARIGIONE DI UN ALVEOLO POSTESTRATTIVO PER SECONDA INTENZIONE

DIFFERENZE TRA SOSTITUTI OSSEI DI ORIGINE ANIMALE

Espressione genica e biocompatibilitàSostituti ossei equini calcagno